Pneumatici invernali: come si presentano e quando vanno montati

Il sopraggiungere dell’inverno porta alla comparsa di condizioni climatiche avverse, che possono mettere a dura prova le automobili durante la circolazione. Per tale ragione sono state stabilite delle ordinanze provinciali, che interessano diverse zone della Penisola, che impongono la sostituzione delle gomme estive con gli pneumatici invernali (solitamente entro il 15 novembre) o, in alternativa, l’obbligo di tenere a bordo mezzi antisdrucciolevoli, da montare all’occorrenza.

Tale argomento interessa molto gli automobilisti, in quanto ogni anno è necessario sborsare del denaro per il montaggio e lo smontaggio delle gomme, che può fare la differenza sul bilancio familiare. Per chi fosse interessato, è disponibile questo approfondimento sulle gomme invernali uscito su VareseNews, che è ricco di informazioni dettagliate, anche in merito alle sanzioni previste per quanti non rispettano gli obblighi previsti dalla legge in materia di pneumatici invernali e catene da neve.

Montare pneumatici termici per evitare sanzioni amministrative

L’articolo 6 del Codice della Strada, introdotto con la legge n.120 del 29 luglio 2010, stabilisce che gli enti che gestiscono le diverse tratte stradali possono decidere, mediante l’emanazione di una specifica ordinanza, se imporre o meno l’obbligo di pneumatici termici, che viene anche ricordato con l’opportuna segnaletica di Catene da neve Obbligatorie.

Nel momento in cui viene impiantato il segnale, di fatto, incorre anche l’obbligo di circolare con le gomme da neve o di avere a bordo le catene. Per chi non rispetta l’ordinanza sono previste sanzioni anche piuttosto elevate. Infatti,  nei centri abitati la multa minima è di 41 euro, che può arrivare anche a 168 euro. Fuori dai centri abitati, invece, su strade extraurbane o autostrade, si va da un minimo di 84 euro ad un massimo di 335 euro.

Inoltre, in caso di accertamento sulle suddette violazioni, può essere intimato al conducente di interrompere la marcia o di riprenderla solo dopo aver montato sul veicolo gli appositi mezzi antisdrucciolevoli, ossia le catene da neve. In caso, di non rispetto di tale ordine, viene applicata una sanzione di 84 euro e la decurtazione di ben 3 punti dalla patente di guida.

Circolare in sicurezza in inverno: la particolare composizione delle gomme da neve

Oltre che per evitare sanzioni, montare gli pneumatici invernali è importante per circolare in sicurezza, anche nelle condizioni più estreme. Infatti, grazie ai particolari tasselli che formano il battistrada, alle lamelle speciali ed alla mescola più morbida, le gomme termiche riescono a garantire una maggiore aderenza al fondo stradale.

Ciò vuol dire poter ridurre gli spazi di frenata ed avere una buona sicurezza per il conducente, ma anche per i passeggeri. Inoltre, in caso di pioggia o di neve, il rischio di aquaplaning si riduce, grazie alla presenza del particolare disegno delle gomme, in quanto viene assicurata una maggiore espulsione di acqua e fondo fangoso, cosa che non avviene con le gomme estive.

Di fatto, quindi, montare gli pneumatici termici vuol dire ridurre il rischio di incidenti ed evitare situazioni spiacevoli in caso di condizioni avverse, ovvero non dover provvedere a sborsare denaro per eventuali riparazioni, ma soprattutto preservare la salute di chi viaggia in auto.

SHARE