Gli stili più belli per arredare la casa dopo la ristrutturazione

Un consiglio molto utile è di definire prima che stile volete riproporre in casa vostra, in maniera da indirizzare le ristrutturazioni complete nella direzione che v’interessa.

Lo stile ispirato dall’oriente

Oggi moltissimi ambienti sono ispirati dall’Oriente. Uno stile giapponese è facile da realizzare: vi servono dei muri bianchissimi e pavimenti in legno chiaro, non troppo sbiancato, ma naturale. Per riprodurre i tipici elementi dello stile giapponese vi sta fare dei quadri con carta di riso come se soffusero le pareti divisorie delle camere nelle abitazioni tradizionali giapponesi. Ricordate che un giardino zen, un drago e un piccolo servizio da the giapponese sono sufficienti per creare l’atmosfera. Evitate di esagerare con i ninnoli ispirati al Giappone, soprattutto se non sono autentici perché altrimenti viene fuori un pasticcio.

I richiami industrial

Uno stile per arredare che potrebbe fare al caso vostro è l’industrial. Se avete un’abbiente con ampie finestre, prendete in considerazione questo stile di arredo. Durante le ristrutturazioni complete fate alcuni lavori indispensabili per questo stile: fate realizzare un open space che unisce il living con la cucina e lasciate una porzione di muro con i mattoni a vista. Installate pavimenti in legno di tipo industriale cioè fatti con gli scarti di legno. Un piolo soppalco sarebbe l’ideale, infine. L’arredo che proponete deve avere un’illuminazione patrilocale e delle pareti attrezzate a vista. I mobiletti della cucina possono avere le ante in stile ufficio per ricerca un’atmosfera tipica delle grandi fabbriche della New York di inizio secolo.

Un look retrò

Se volete qualcosa di più classico per casa vostra, il retrò è quello che vi serve. Posate dei pavimenti classici, magari anche a scacchiera in bagno o in cucina. Il legno non è molto presente in questo stile che preferisce pavimenti in laminato, gres porcellanato o anche pvc. Un arredo retrò è facile da realizzare grazie alle ispirazioni anni 50 che la fanno da padrone in cucina ma non solo. i colori da usare sono i classici bianco e nero assieme ad altre tinte pastello come il verde Tiffany e il turchese.

SHARE