Continua la crescita di DTCOIN in Europa

DTCOIN, ecco come nascono e come utilizzarli. Si tratta di una domanda che si sono posti numerosi utenti prima di avvicinarsi a questa realtà, che supera e migliora il concetto di criptovaluta, come “tradizionalmente” inteso. Sebbene l’idea di criptovaluta si sia sviluppata in anni recenti, soltanto nel 2017 arriva il cambio di direzione, la sterzata che porta a una nuova consapevolezza nel sistema delle transazioni online. Il nome stesso DTCOIN, che rimanda con quel “DT” al concetto di “data”, è innovativo. L’idea inizia a circolare nel 2017, l’anno in cui le criptovalute si stanno già diffondendo. Ma l’intuizione del fondatore di DTCOIN, Daniele Marinelli, va oltre. DTCOIN è una valuta che basa il suo controvalore su una specifica risorsa, sempre in crescita, che riesce a proteggere il suo valore nel tempo. DTCOIN è utilizzabile come strumento di scambio e valuta di pagamento, come avviene con la moneta del proprio paese, ma va oltre, e crea un ecostistema. Concetti spiegati a approfonditi nell’ultima edizione del White Paper su DTCOIN, pubblicata proprio nel 2020. Un Libro Bianco che racconta la storia, l’esperienza e le potenzialità di questa criptovaluta, analizzato il presente, il DT Circle, il futuro, e il passaggio da DCOIN 1.0 a DTCOIN 2.0. con l’esordio di questa nuova versione della criptovaluta nel Forced Market Cap, ambiente nel quale è possibile fare scambi, acquisti e transazioni attraverso DTCOIN. Tra fine 2019 e inizio 2020 il lancio di una efficace marketing strategy e la pubblicazione di bond per investitori qualificati, hanno contribuito al successo e alla diffusione di DTCOIN 2.0.

L’obiettivo chiaro e condiviso, come si legge nelle conclusioni del “White Paper, è “diventare giocatori attivi del mercato dei dati. DTCOIN trasforma le regole del sistema, dove non siamo solo fonte di informazioni, ma coloro che utilizzano le informazioni a proprio vantaggio, con consapevolezza”. Per farlo DTCOIN si basa su un settore molto potente e in continua espansione: il mercato dei dati. I Big Data, infatti, rappresentato la base forte e in costante crescita, che sostiene il valore della criptovaluta e del progetto DTCOIN. “Tutti i giorni i nostri dati vengono venduti senza la nostra approvazione, non sappiamo come sono utilizzati. Scegliere quale dati condividere e condividerli per il loro giusto valore è il primo passo verso la libertà, di scelta e di utilizzo”, si legge ancora nel White Paper. In una quotidianità nella quale, ogni giorno, ogni ora, con ogni clic online, trasferiamo e forniamo dati personali, sui nostri gusti, i nostri acquisti, le nostre idee, “un nuovo strumento per monetizzare grazie ai nostri dati e le nostre pubblicazioni, senza limitarsi al tradizionale sistema monetario”, dunque, rappresenta una vera e propria svolta. “La blockchain – ricorda ancora il White Paper – rende possibile comunicare, condividere e guadagnare con una sicurezza unica nel suo genere”.

COME UTILIZZARE I DTCOIN GUADAGNATI: VALORE DTCOIN

I DTCOIN guadagnati, infatti, costituiscono a loro volta un mezzo di pagamento, un vero e proprio denaro che consente di fare scambi e acquisti all’interno di un ecosistema, definito DT Circle. Maggiori saranno i dati acquisiti attraverso il DT Circle, più il DTCOIN aumenterà di valore e si rafforzerà, con un numero sempre più alto di applicazioni ad esso collegate. Si tratta di un sistema che cresce grazie alla forza dei suoi utilizzatori, e si fonda su una richiesta che non scarseggia mai, quella dei dati, appunto. “Acquistare ora DTCOIN significa possedere un prodotto che, grazie ai suoi servizi, crescerà esponenzialmente di valore e nel mondo. – si legge ancora nel White Paper – Scegliere DTCOIN significa riservarsi un posto nel mercato dell’innovazione digitale, con le fondamenta costruite nel settore di un prodotto la cui”.

Tra fine 2019 e inizio 2020 la crescita di DTCOIN e la sua popolarità hanno lanciato definitivamente questo concetto. Il passaggio, fondamentale, da DTCOIN a DTCOIN 2.0 ha segnato un momento epocale nella storia delle criptovalute. Con DTCOIN 1.0 si intende, infatti, la criptovaluta nelle sue fasi iniziali di vita, con una gestione privata della blockchain. Grazie allo sviluppo del progetto della società DTCOIN UK, dopo una serie di calcoli e statistiche, vengono rilasciate nuove monete sul mercato. Il passaggio a una tecnologia decentralizzata e distribuita, diversa dalla precedente, ha dato, così, vita al DTCOIN 2.0, dove l’utente può depositare le sue monete in un nuovo wallet. Un’evoluzione che ha l’obiettivo di raccogliere consenso e fondi per la creazione del Dt Circle, l’ecostistema DTCOIN.

Big Data, dunque, e l’idea che l’esperienza stessa dell’utente possa essere monetizzata. “Monetize your experience” è la soluzione proposta dalla criptovaluta DTCOIN, su transazioni, commercio di dati e raccolta delle applicazioni nell’ecosistema DT Circle. Decidere di puntare e portare valore al settore dei Big Data consente di creare un nuovo concetto di sharing economy, “dove l’utente per la prima volta può diventare un giocatore attivo nel mercato dei dati”. Ecco perché, nel corso dei primi mesi del 2020, DTCOIN è stato al centro di numerosi talk, forum di esperti e ha visto crescere la sua popolarità e il suo utilizzo.

Chi decide di entrare nell’universo DTCOIN, sentirà parlare di DTSocialize, azienda che gestisce tutte le applicazioni pubblicate all’interno di DT Circle, garantendo all’utente sicurezza per i propri dati e fonte di guadagno. Per accedere alle applicazioni DTCOIN l’utente cede informazioni, e in cambio riceve l’esperienza all’interno del mondo DT Circle, e un reale guadagno. Per ciascuna azione dell’utente c’è un dato utile, che crea, dunque, valore e un ritorno all’utente stesso, che può monetizzare quell’esperienza. Regole chiare e nessun obbligo per l’utente che utilizza DTCOIN, che può scegliere quali dei suoi dati condividere con la piattaforma, contando su una chiara tutela della privacy. Il ricavato dalle vendite dei dati stessi, poi, viene condiviso con l’utente stesso. Il proprietario dei dati, così, può comprendere il valore stesso dei suoi dati e monetizzarli. Tutto il potere, infatti, è in mano all’utente stesso.

A PROPOSITO DELLE APPLICAZIONI DTCOIN

Tra le prime applicazioni che DTCOIN ha programmato e lanciato nell’ecosistema DT Circle, c’è Crypto-ID. Quando un utente si registra accedendo a una delle applicazioni dell’ecosistema, dovrà creare, infatti, un Crypto-ID, cioè la sua identità digitale. Quest’ultima servirà anche da firma digitale, per ogni dato che l’utente produrrà nel corso della sua attività online. E’ fondamentale, infatti, ricollegare ogni dato al suo proprietario, per dare, poi, ricompense in DTCOIN a chi ha prodotto il dato. Quando l’utente crea il proprio Crypto-ID potrà scegliere tra tre livelli di privacy e di diffusione dei suoi dati: dati pubblici disponibili alla vendita, dati semi anonimi, dati riservati (privacy completa). DTCOIN, infatti, assicura sempre la privacy ai propri utenti, ed è questo il suo tratto distintivo. DTCOIN crea valore con i dati ma non li diffonde in maniera indistinta. Non si tratta, dunque, delle classiche autorizzazioni online per il trattamento dei dati presenti in fondo ai siti web o quando si acquistano beni e servizi, ma un tipo di trattamento dei dati più dettagliato, che circolano solo ed esclusivamente all’interno delle applicazioni DTCOIN. Questo trattamento è espresso in tipologie di abbonamento del servizio. Nel DT Circle, così, ogni utente viene identificato con un Crypto-ID, che firma e convalida qualsiasi azione senza rivelare l’identità dell’utente stesso. Qualsiasi utente può, in qualsiasi momento, cancellare il proprio account DTCOIN. In quel preciso momento tutti i dati e le informazioni personali che hanno scelto in precedenza di condividere resteranno nel sistema delle applicazioni, sempre nel totale rispetto della privacy.

Un’altra app essenziale è il wallet DTCOIN, necessario per ricevere e inviare DTCOIN. Attraverso il sito web https://dtwallet.io/, è possibile creare e ottenere il proprio wallet DTCOIN, in modo rapido e veloce. Possedere un wallet è necessario per tutti, anche per gli utenti che autorizzano la vendita dei propri dati, per poter ricevere guadagni. Ciascun wallet DTCOIN è collegato al Crypto-ID del proprietario. Con il wallet l’utente può sapere quali dei suoi dati sono stati venduti e a quale prezzo. Tutto è certificato: grazie allo smart contract è possibile sapere quanto è stato il guadagno e attraverso quale applicazione è stato generato. Gli acquisti dei dati avvengono con pagamenti in DTCOIN, e in questo modo la valuta circola e alimenta l’ecosistema, facendo aumentare il valore del DTCOIN.

Quando si fa parte di un ecosistema, infine, è fondamentale dialogare, comunicare. Ecco perché il progetto DTChat è essenziale nell’universo DTCOIN. Si tratta, come è facile intuire, di un’applicazione di messaggistica, altamente criptata e peer-to-peer. L’utente decide se condividere con DTSocialize le informazioni dei propri messaggi, dunque stabilisce il livello di crittografia dei messaggi, che può essere impostato in origine. L’utente potrà aprire una chat peer-to-peer in cui non vuole condividere i messaggi con l’azienda, e in questo caso il messaggio non sarà salvato neanche nel server dell’applicazione, ma nello spazio di memoria del proprio device. Oppure si potrà aprire una chat pubblica all’azienda, dove tutto viene salvato sul server e i dati stessi sono utilizzati per personalizzare l’esperienza e per la profilazione del Crypto-ID.

Queste sono soltanto alcune delle applicazioni rilasciate da DTCOIN nell’ecosistema DTCircle che punta al 2020 e al 2021 come anni di evoluzione, crescita e sviluppo.

SHARE