Amministrative trappetesi. Cosentino vince di misura su Cutrò e Vitale

Un voto che ha rispettato le aspettative seppur di poco rispetto a quanto pronosticato in termini di numeri. Santo Cosentino ce l’ha fatta, insieme alla lista “Noi per Trappeto” ha vinto le elezioni trappetesi, largo il distacco in termini di voti di lista rispetto agli schieramenti di Cutrò e Vitale, molto più risicato – invece – quello sui diretti avversari: di appena 33 voti il distacco su Salvatore Cutrò mentre sono 60 le preferenze in meno raccolte dall’uscente Pino Vitale.

Un risultato elettorale dalla molteplice lettura che ha visto un affluenza del 51,83%, e che ha portato ai seggi 1959 trappetesi. Dati alla mano Cutrò vince nella sezione 2 e nella sezione 3 rispettivamente con 255 e 182 voti mentre Cosentino surclassa tutti nella terza sezione con  258 voti contro i 249 di Vitale e i 184 di Cutrò. Un gioco ad armi pari che nelle sezioni elettorali interne al paese ha visto prevalere Cutrò, differenza – dunque – fatta dall’elettorato delle contrade Ciammarita e San Cataldo dove Cosentino ha costruito la sua vittoria con non poca intelligenza tattica.

Distacco notevole se si osservano i dati delle preferenze di lista, Cosentino porta a casa 1087 preferenze contro le 704 di Vitale e le 661 di Cutrò.

Salvatore Randazzo il più eletto in assoluto con 182 preferenze, seguito a ruota da Rosita Orlando e Salvatore Francoforte rispettivamente con 172 e 167 preferenze, questo il podio dei più eletti al consiglio comunale che – salvo ritiri – sarà così composto:

Consiglieri di maggioranza: Billitteri, Cosentino, Domicolo, Francoforte, La Fata, La Corte, Orlando Rosita ed Orlando Salvatore

Consiglieri di minoranza: Maurizio Alfano, Nancy Bologna, Salvatore Cutrò (in quanto secondo sindaco più eletto) e Salvatore Randazzo.

Potrebbe piacerti anche Altri di autore